CO2 con Acido Citrico e Bicarbonato

Marco Ferrara

Dal lontano 1978 coltivo la passione per l'acquariofilia e dal 2005 insieme a degli amici abbiamo deciso di mettere su un portale con tante informazioni mettendo a disposizione la nostra esperienza.Ho allevato e riprodotto tantissime specie di fauna dai ciclidi ai poecilidi,ultimamente la mia attenzione è rivolta agli anabantidi nello specie betta splendens ,allevo anche varie specie di caridine e gli immancabili scalari.Ho una particolare attrazione per le piante coltivando anche delle essenze rare con splendidi risultati. Le mie ottime conquiste e risultati sono frutto di prove,letture e anche dell'aiuto di altri amici che hanno condiviso con me le proprie esperienze cosa che io da tempo ho deciso di fare con chi ne ha bisogno.......

Potrebbero interessarti anche...

3 risposte

  1. Giovanni mobilio ha detto:

    Ciao
    Ma e normale che la pressione del barometro si alzi invece che il contrario.
    Perché io ho questo problema .
    Mi sapete dare una spiegazione.?grazie

    • Danny ha detto:

      Salve,
      anche io ho questo problema…sta sempre sopra 4, ho comprato un magnete
      perché non era incluso con il dispositivo, cosi quando arriva la pressione a 4
      alzo con il magnete la parte dell’acido citrico così da essere sopra il liquido
      e ogni tanto controllo se la pressione si è abbassata per togliere il magnete e rifare la procedura…
      non mi va tanto bene cosi, ma se voglio spendere poco devo fare questa procedura.

      • Alan ha detto:

        Il problema secondo me sta nel fatto che alcuni kit fornisco un regolatore ad attacco rapido che se utilizato con tubicono morbido (quello dell’areatore per intenderci)perdono.
        Per mia esperienza si devono sostituire il regolatore con un contabolle/regolatore incorporata (10€su Amazon) e interporre un rubinetto tra la bottiglia B e il regolatore/contabolle (sia per sicurezza che per praticità d’intervento alla ricarica)
        Rubinetto per aria compressa 3 € in ferramenta, con tutti attacchi a ghiera che schiacciano il tubicino così da eliminare qualsiasi perdita ..
        La manovra di miscelazione iniziale per portare in pressione il tutto viene fatta scaricando tramite il rubinetto e va aperto poco alla volta così da arrivare a 2 bar lentamente così non rischiare troppa pressione.
        A questo punto colleghiamo al nostro rubinetto al tubo che va al regolatore/contabolle e tariamo il tutto… Con le dosi consigliate la ricarica dura anche 2 mesi , la differenza sta nel micronizzatore che a seconda della marca può fare variare le bolle al minuto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore . Cookie policy